E voi ragazzi chi vorreste essere un clown psicotico e pazzo come Joker o un angelo nero e vendicativo come il Corvo???

Search YouTube

Presentazione Blog

mercoledì 24 giugno 2009

Brandon il figlio d'arte (TRIBUTO A BRUCE LEE)


Brandon Lee è un figlio d’arte. Questo post è dedicato a suo padre il noto attore Bruce Lee, soprannominato “il piccolo drago”, che fu un celebre maestro di arti marziali.
Lee Juan Fan nacque a Chinatown (San Francisco) il 27 Novembre 1940 e secondo la tradizione cinese nell'anno del Drago e nell'ora del Drago(tra le 6 e le 8 di mattina). Il padre Lee Hoi Cheun era un attore molte famoso ad Hong Kong e in quel periodo era in tour negli U.S.A. Nel 1941 la famiglia Lee tornò nella casa natale di Kawlon in un villaggio di Hong Kong. Nel 1953 all'età di 13 anni Bruce Lee iniziò a praticare il Kung-Fu con lo stile Wing-Chun, lui sembrava molto portato per quest'arte tanto che lasciò la sua carriera da ballerino. Da quel momento per il giovane Bruce iniziò una nuova vita, infatti lui era molto preso da quest'arte tanto che non saltava nessuna lezione esercitandosi in ogni posto, a casa, per strada e dovunque capitasse. Bruce nella sua vita non studiò soltanto Arti Marziali ma imparò dal suo maestro Yip Man diversi pensieri come il pensiero filosofico di Budda, Confucio, Lao Tzu, e dei fondatori del Taoismo.Nel 1959 Bruce tornò a San Francisco dove studiò e cominciò ad insegnare il Kung-Fu. Il 17 Agosuto del 1964 sposò Linda Emery e nel Febbraio del 1965 nacque il suo primo figlio Brandon. In questo periodo vinse molto tornei e in molte esibizioni attirò l'attenzione di molti registi.A Los Angeles Bruce Lee cominciò la sua cariera di attore recitando nella popolare serie televisiva 'The Green Hornet' con il ruolo di Kato. Sempre nel 1969 nacque sua figlia Shannon. Bruce in quel periodo insegnava Kung-Fu anche a molto famosi attori. Cominciò la publicazione dei suoi primi libri sulla sua nuova arte il "Jeet Kune Do". Fino ad allora lui si era limitato a scrivere tutti i suoi pensieri sulle Arti Marziali andando ad elaborare questo nuovo tipo di stile.Avendo una grande conoscenza era in grado di stabilire e di migliorare molte tecniche da lui apprese in precedenza. Bruce recitò in 25 film e serie televisive. Nel 1972 in uno dei suoi film migliori di Kung-Fu 'Return of the Dragon', Bruce recitò insieme a Chuck Norris, Danny Ionosante e Kareem Abdul-Jabbar.
Bruce Lee segnò lo sviluppo delle arti marziali moderne, portando nuove filosofie all’Occidente.
Si considerava prima di tutto un cultore di arti marziali e poi un attore.
Cominciò a prendere lezioni di Kung-Fu con lo stile Wing-Chun, a 13 anni, a scopo di difesa personale.
Nei 19 che seguirono fece delle nozioni che via via acquisiva una scienza, un’arte, una filosofia ed uno stile di vita. Si allenava con esercizi fisici per mezzo di letture e meditazioni, al fine di aumentare la velocità e la precisione dei suoi colpi. Agile e scattante come una gazzella, astuto come una volpe. Prontezza di riflessi e rapidità di esecuzione tra le sue doti migliori. Grazie alle sue esperienze nelle arti marziali ottenute durante la giovinezza, fu in grado di proporre innovazione sugli stili tradizionali, fondando il Jeet Kune Do, (la tecnica senza tecnica). Il 20 Luglio 1973 la morte lo portò via lasciando a milioni di persone un vuoto che tutt’ora non viene colmato. Le cause della sua morte sono ancora un grande punto interrogativo. Vent'anni dopo, la sua morte prematura, il 31 Marzo 1993 suo figlio Brandon, che aveva seguito le orme del padre, morì durante le riprese di una scena d'azione ne 'Il Corvo'. Aveva soltanto 29 anni.

1 commento:

  1. In questo blog davvero interessante non poteva mancare un tributo al mitico Bruce...

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget